Alleanza Cooperative, bene ripresa discussione su TU settore, ascoltate le nostre richieste

Share:
Fotolia_7057391_XL

 

“Le richieste che abbiamo espresso alla politica nel corso degli stati generali delle imprese e delle cooperative di pesca e di acquacoltura, sono state ascoltate. Apprezziamo che finalmente si torni a parlare di testo unificato per il settore ittico, fermo ai blocchi di partenza da troppo tempo. L’auspicio è che, in una ottica di una nuova formulazione del testo, si riesca a dare vita ad uno strumento normativo in grado di interpretare tutte le istanze del settore”. Così l’Alleanza Cooperative pesca commenta la notizia dell’iscrizione nel calendario dei lavori dell’aula della camera, nell’ultima settimana di marzo, del testo unificato delle proposte di legge sul settore ittico.

L’Alleanza chiede che vengano poste al centro del nuovo testo alcune priorità. “In materia di sanzioni proponiamo non solo la loro revisione ma anche che il governo esamini la possibilità che una parte del gettito derivante dalle infrazioni vada a sostegno di un fondo di solidarietà per le imprese ed i lavoratori colpiti da calamità naturali. Proponiamo poi – prosegue l’Alleanza – che il governo ponga mano al riordino di tutta la disciplina sulla pesca non solo professionale, nonché alla definizione di un compiuto sistema di ammortizzatori sociali diverso dal Fospe; chiediamo anche che si riveda la complessa disciplina relativa alle concessioni demaniali con il nodo non più rinviabile dei canoni demaniali – grave handicap per lo sviluppo dell’acquacoltura -, così come sta avvenendo già per quelle rilasciate per finalità turistico-ricreativo. Occorre quindi – conclude l’Alleanza – cancellare la norma contenuta nella legge 7 agosto 2012, n. 134, il “Cresci Italia”, che ha introdotto una nuova autorizzazione per l’esercizio di impianti di acquacoltura in mare posti ad una distanza superiore ad un chilometro dalla costa”.

 

 

Articolo precedente

Adozione del Programma nazionale triennale della pesca e dell’acquacoltura 2017-2019

Prossimo Articolo

Alleanza cooperative propone una “road map” per affrontare il nodo controlli e sanzion

Leggi anche: