Istat: Federcoopesca, con il +9,5% è boom di consumi di pesce

Share:
prodtti ittic

Per 3 famiglie su 4 in dieta 2 volte a settimana

“Gli italiani sempre più consapevoli dell’importanza di inserire nella dieta di tutta la famiglia pesci, molluschi e crostacei. Nel 2016, secondo i dati Istat, la spesa delle famiglie ha registrato +9,5% in prodotti ittici, in media fino a 39,83 euro mensili. Quello dei prodotti ittici è il settore alimentare che ha fatto registrare l’aumento maggiore.  Un trend positivo, registrato per il terzo anno consecutivo, che ci lascia ben sperare, dopo gli anni duri della crisi”.

Così Federcoopesca-Confcooperative nel commentare i dati Istat sui consumi degli italiani.

Secondo una indagine dell’associazione, 3 famiglie italiane su 4 consumano due volte a settimana, in casa, nelle mense o al ristorante, prodotti di pesca o acquacoltura, freschi, congelati o trasformati.

“È importante – prosegue Federcoopesca- sapere intercettare una domanda di prodotti ittici che si fa più vivace, puntando sulla diversificazione dell’offerta, la trasformazione e la tracciabilità delle produzioni lungo tutta la filiera”.

Positivo, inoltre, il fatto che la spesa per la ristorazione sia tornata ai livelli pre-crisi “perché – conclude Federcoopesca- i ristoranti da sempre hanno un ruolo importante nell’avvicinare i consumatori ai prodotti ittici”.

 

 

Previous Article

Mai più debiti PA per pagamenti fermo. Al via nuovo sistema anti-burocrazia

Next Article

Pesca: Alleanza Cooperative, con sistema quote Ue per l’Italia a rischio 500 tonnellate di pesce spada

Leggi anche: