Alleanza Cooperative, bene decreto Mipaaf pesce-spada. Con +8% quote Italia salve imprese e menu tricolore

Share:

 

“È un segnale forte di attenzione verso le cooperative e le imprese attive nella pesca del pesce spada, messe a rischio dalle logiche europee di ripartizione delle quote, che favorirebbero un + 30% di import di prodotto proveniente soprattutto da Tunisia e Marocco. Per questo apprezziamo l’annuncio fatto dal Sottosegretario Castiglione dell’emanazione di un decreto ministeriale che aumenta dell’8% per l’Italia il contingente massimo di cattura, rispetto al regolamento della Commissione Europea che vorrebbe fissare a 3.736 tonnellate la quota di pesca italiana. Con + 8% di quota si riduce l’ingiusto squilibrio tra la proposta europea e quanto effettivamente pescato, salvando così le imprese e il menu tricolore”. Così l’Alleanza delle Cooperative pesca commenta il decreto ministeriale a firma del Sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole, Giuseppe Castiglione, in arrivo nelle prossime ore.

“Il provvedimento nazionale – conclude l’Alleanza- consentirà ai nostri operatori di pescare, 4.039 tonnellate, una quota in linea con le produzioni del nostro paese registrate negli ultimi anni e con quanto deciso in sede Iccat (Commissione internazionale per i grandi pelagici). Un scelta di buon senso, sostenuta anche dalla Commissione Agricoltura della Camera, che indica un punto di equilibrio nella pesca al pesce spada in Europa”.

 

 

Previous Article

Adozione del Piano di gestione nazionale per le attivita’ di pesca con il sistema draghe idrauliche e rastrelli da natante

Next Article

Giornata mondiale del clima: i cambiamenti climatici danneggiano anche le risorse ittiche e le attività di pesca sostenibile

Leggi anche: