Misure tecniche relative alla conservazione delle risorse della pesca e degli ecosistemi marini

Share:
20140327PHT40028_original

Il Parlamento europeo ha completato l’esame in prima lettura della proposta di regolamento sulle misure tecniche . L’aula ha approvato gran parte del testo, licenziato in precedenza dalla Commissione pesca; un testo nel quale sono racchiuse in un unico strumento normativo le diverse misure attualmente spalmate su oltre trenta regolamenti. In particolare il testo punta a rafforzare lo strumento della regionalizzazione, in un’ottica di gestione sempre più decentrata in favore dei territori e delle marinerie. Il regolamento contiene misure relative alle dimensioni delle reti, alle modalità di impego degli attrezzi da pesca e un aggiornamento delle specie vietate alla pesca. In questa ottica gli squali entrano nella lista nera, con divieto di pesca per determinati attrezzi in tutti mari. Novità importante è che il regolamento si applica non solo ai pescatori professionali ma anche alla pesca ricreativa. Viene bocciata la possibilità di pesca con impulsi elettrici, attività comunque non esercitata nel bacino del Mediterraneo. Al termine della discussione è stato dato quindi mandato al relatore Mato di avviare il trilogo con Commissione Ue e Consiglio. Nella tarda primavera presumibilmente si dovrebbe arrivare all’approvazione definitiva.

“Molte delle nostre osservazioni sono state recepite. I due elementi di maggior rilievo riguardano la scelta di semplificare dando vita ad un unico contenitore normativo nonché l’opportunità di proporre soluzioni di gestione bottom-up con il coinvolgimento diretto degli operatori, per interpretare al meglio i principi della politica comune della pesca” commenta Federcoopesca. 

 Misure tecniche_EN_net

 

Previous Article

Quesito – Legge 11 dicembre 2016, art.1 comma 346

Next Article

Adeguamento di Tai sud al collettore universale

Leggi anche: