DECRETO 15 settembre 2020 Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonche’ di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiolgica da COVID-19

Share:

E’ stato pubblicato sulla GU n.260 del 20-10-2020 il decreto interministerialeche rende fruibile la decontribuzione per il primo semestre 2020.

L’agevolazione  contributiva  di  cui  al  presente  decreto  e’

riconosciuta dall’INPS in base alla presentazione  delle  domande  da parte delle imprese nei limiti delle risorse disponibili.

Nella domanda le imprese dichiarano, ai sensi degli articoli 47  e  76  del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, gli aiuti concessi ovvero richiesti in attesa di esito, nel rispetto  del «Quadro temporaneo» nell’anno 2020. In caso  di  superamento  del  limite  individuale  fissato dal «Quadro temporaneo», l’agevolazione e’ ridotta per la quota eccedente tale limite.

In caso di superamento del limite di spesa previsto, l’INPS provvede a ridurre l’agevolazione in misura proporzionale a tutta la platea dei  beneficiari  che  hanno  diritto all’agevolazione.

L’INPS provvede ad emanare, entro venti giorni dall’entrata  in vigore del presente  decreto, una circolare relativa  all’esonero straordinario recante, tra l’altro,  le  modalità di presentazione della domanda di accesso all’agevolazione.

In attesa della messa a  disposizione  da  parte  dell’INPS  del modello di istanza  di  esonero,  i  versamenti  della  contribuzione riferita ai periodi retributivi oggetto dell’esonero gia’  scaduti  e non  ancora  versati,  ovvero  in  scadenza,  sono  sospesi  per  i destinatari dell’agevolazione fino alla  data  di  definizione  delle istanze medesime.

In caso di  esito favorevole  dell’istanza,  la  contribuzione riferita ai periodi retributivi dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2020 gia’ versata potra’ essere compensata con la contribuzione in  futuro dovuta dal datore di lavoro.

Previous Article

INPS – Modalità di esonero contribuzione periodo gennaio/giugno

Next Article

Nuove domande per la Cambiale agraria e della pesca

Leggi anche: